2 ottobre 2019 Nawame, Vlog e articoli 0

Nawa shigusa: le buone maniere della corda

“Edo shigusa” in giapponese significa “le buone maniere della città di Edo” ed è un insieme di precetti per i commercianti di Edo (oggi Tokyo) per avere buone relazioni con le persone e vivere con successo nella città.

Ancora oggi queste regole sono ben conosciute in Giappone e costituiscono delle consuetudini da molti rispettate.

Bingo Shigonawa, un rigger giapponese, ha scelto alcune “regole di comportamento” dalle Edo shigusa e le ha modificate per la pratica dello shibari.

Ecco dunque le “Nawa shigusa”, ovvero le buone maniere della corda..

Potete trovare il post originale qui: http://shigonawabingo.blog52.fc2.com/blog-entry-26.html.

.

NAWA SHIGUSA – LE BUONE MANIERE DELLA CORDA

Solleva i piedi – Mai calpestare le corde altrui; Molti sono orgogliosi e gelosi delle loro corde. Trattarle con rispetto è educato, mentre è altamente maleducato calpestarle.

Con permesso – Così come non si deve mai calpestare le corde altrui, ugualmente non si devono neppure toccare senza prima chiedere il permesso. Anche se siete mossi dal desiderio di aiutare a metterle via, non dimenticatevi di chiedere conferma al proprietario prima di toccarle.

Ladro di modelli – Non è mai il caso di comportarsi in maniera troppo intima con una donna (o un uomo) che ha già un partner o un padrone. Il minimo della cortesia è assicurarsi che il partner ne sia al corrente, e, prima di legare la persona, è consigliabile di avere il permesso da entrambi.

Chiedo scusa – Se vi capita di legare qualcuno senza sapere che ha un partner o un padrone, non date a lui la colpa, ma chiedete scusa prontamente e riportate l’ordine e l’armonia.

Il pavimento sette a tre – Quando ci si trova in più persone a condividere uno spazio, cerca di occuparne solo il 30% e lasciare il rimanente 70% per gli altri. Prestando tutti attenzione a questa regola, si finisce per usare lo spazio in modo equo.

Niente scuse – Finito di legare, non cominciate il processo ai fallimenti; peggiora solo l’impressione che date di voi al vostro partner. Accettate il risultato con onestà.

Tirare i capelli da dietro – Problemi e malintesi che si creano durante una legatura, se non vengono comunicati subito, finiscono per ingigantirsi e crescere sproporzionatamente, spesso col passa parola. Parlatene invece subito. (“Tirare i capelli da dietro” è un’espressione giapponese che si usa quando si dice qualcosa dopo che un fatto è concluso)

Tirare i piedi – Coinvolgere gente che non c’entra in drammi creati per invidia o collera con l’intenzione di screditare una persona è un comportamento totalmente inopportuno. (“Tirare i piedi (di qualcuno)” in giapponese significa “mettere in mezzo qualcuno”)

Stesse piante – Nonostante abbiamo diversi gusti sessualità, preferenze e desideri, in fondo siamo tutti parti della stessa razza. Siamo come le piante: anche se veniamo calpestati, ci riprendiamo e cresciamo e, come le piante hanno bisogno di radici e foglie, così anche noi abbiamo bisogno di altre persone per crescere.

La via della buona educazione – Anche con partner con cui abbiamo sviluppato una relazione e un legame profondo verrà il tempo della separazione. Riuscire a proseguire il proprio cammino senza rancori, senza odio e senza accuse è la via delle buone maniere. Non è una fine, ma un nuovo inizio.

.

Traduzione in italiano di Rida.

.



Riguardo l'autore

Andrea:

Disclaimer e Privacy Policy

Questo sito è riservato a un pubblico adulto e contiene immagini che possono urtare la sensibilità di alcune persone.
Il bondage è un’attività pericolosa; i proprietari di questo sito non sono responsabili di eventuali danni da essa derivanti.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se si vuole saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, si prega di consultare la cookie policy.

Accettando questo banner o proseguendo la navigazione in altra maniera, si certifica di essere maggiorenni, di avere il diritto di visionare tali contenuti, di essere a conoscenza dei rischi derivanti dal praticare bondage e di acconsentire all’uso dei cookie.